fbpx

Lavorare nel turismo: le mansioni del settore

In un’economia non ancora del tutto risanata dopo le crisi dello scorso decennio, il settore turistico rimane stabilmente uno dei traini maggiori su cui fare affidamento. Con numeri sempre crescenti, non stupiscono i risultati positivi nell’occupazione e nella generazione di introiti.

Il turismo continua ad offrire una vasta gamma di opportunità lavorative, portando una concreta possibilità di risanamento e mantenendo attive realtà altrimenti difficoltose, soprattutto (ma non solo) nel meridione.

Andiamo quindi a vedere qual è la situazione attuale del settore e quali sono le possibilità esistenti per entrare a far parte dell’organico turistico.

Perché lavorare nel turismo: la crescita del settore

Analizzando il 10° Rapporto dell’Osservatorio sul mercato del lavoro del turismo in Italia, redatto da Federalberghi e dalla Federazione Italiana Pubblici Esercizi nel dicembre 2018, il settore commercio e turismo ha occupato oltre 4,7 milioni di lavoratori.

Con un incremento di 265.000 unità rispetto all’anno precedente, stiamo parlando di un’occupazione maggiore dell’intera industria manifatturiera, con una forza lavoro sostanzialmente giovane; quasi il 70% dei dipendenti ha meno di quarant’anni e il 44% meno di 30.

Rappresentando il 10% del Pil nazionale, possiamo tranquillamente affermare che il turismo è uno dei pilastri della nostra economia. Date la grande varietà e la quantità di bellezze che il nostro paese può offrire, non stupisce che la nostra offerta turistica sia tra le migliori del mondo: località di mare e di montagna, lagune, città dal valore storico e artistico, musei e scavi archeologici, chiese e cattedrali, parchi nazionali, laghi, stazioni termali. 

L’Italia è il Paese con il maggior numero di Patrimoni dell’Umanità dell’UNESCO (49) e grazie a tutto questo il nostro paese resta una delle mete preferite a livello mondiale, al quinto posto dopo Francia, Spagna, USA e Cina.

Ma il turismo è cambiato molto nel corso degli anni e poter contare su tante risorse non è più un fattore sufficiente ad incentivare l’incoming turistico se i servizi e le capacità comunicative non risultano adeguate. Andiamo quindi a vedere quali sono le figure professionali che in questi anni si sono affermate nel settore turistico.

I protagonisti: le imprese e le figure professionali

In un settore così in crescita ed evoluzione si cercano figure altamente specializzate con una preparazione e una formazione adeguate. Sono sempre ricercate le figure tradizionali, perno dell’accoglienza e dell’hotellerie, soprattutto in strutture di lusso e business.

Una figura emergente è il revenue/pricing, che ha il compito di modificare le tariffe attraverso la gestione delle leve di prezzo e di inventario, anche attraverso i servizi di booking online. Tra i nuovi profili ricercati nel settore spiccano le nuove competenze legate al web e ai social network, la conoscenza delle lingue (meglio se due), in particolare quelle dei nuovi paesi emergenti, come ad esempio Brasile, Russia, India, Cina.

Non mancano le opportunità anche per nuove iniziative imprenditoriali: dai servizi di booking che offrono strumenti al consumatore o all’operatore, alle app che sfruttano la geolocalizzazione per offrire contenuti e servizi a valore aggiunto, fino alle startup specializzate in marketing e storytelling dei luoghi.

Vediamo quindi alcune imprese e le relative figure professionali di riferimento:

Tour operator: si occupano di organizzare i viaggi e costruire pacchetti turistici distribuiti poi dalle agenzie di viaggio. Alcune figure professionali che operano al loro interno sono:

  • programmatore turistico – crea l’offerta di pacchetti turistici sulla base delle indicazioni del marketing e dei trend di mercato. La sua attività inizia dall’ideazione, pianificazione e realizzazione del prodotto fino alla loro pubblicazione all’interno dei cataloghi on line e off line.
  • responsabile del booking – gestisce i flussi di prenotazione. Per la sua attività di gestione dei servizi programmati, rappresenta l’interfaccia operativo tra la rete degli agenti e i corrispondenti (vettori aerei, alberghi, ecc.).
  • addetto comunicazione e marketing – studia le opportunità del mercato turistico individuando i bisogni dei clienti e analizzando lo scenario competitivo per definire proposte vincenti.
  • direttore vendite – garantisce le attività di distribuzione del prodotto turistico attraverso la rete di agenzie di viaggio
  • progettista – è un professionista che collabora attraverso consulenze turistiche in particolare in determinate aree, per lo sviluppo di progetti dedicati alla sostenibilità e alle realtà locali.

Settore alberghiero: all’interno di questo settore possiamo trovare una moltitudine di professioni, ad esempio:

  • direttore – figura al vertice dell’impresa alberghiera: è il responsabile dell’organizzazione, della gestione e del coordinamento di tutta la struttura per quanto riguarda le risorse economiche, i servizi e il personale.
  • receptionist / capo ricevimento – figura fondamentale dalla quale si accede per una carriere in queste strutture. Gestisce il rapporto con il cliente dal punto di vista amministrativo, attraverso la registrazione dell’arrivo e partenza, e qualitativo, rispondendo alle esigenze dei clienti (dalla risoluzione dei problemi al consiglio di attività).
  • room division manager – si occupa della gestione delle camere, ed è una figura di rilievo all’interno delle grandi catene alberghiere

Figure professionali emergenti:

  • Travel organizer – Figura professionale che si è evoluta con l’avanzare di nuove tecnologie che cura il viaggio dalla costruzione, alla commercializzazione fino alla comunicazione. Può operare all’interno di agenzie di viaggio a contatto con il pubblico oppure autonomamente attraverso le OLTA.
  • Travel designer – Figura che si occupa di far incontrare le aspettative del viaggiatore e la caratteristiche del territorio proponendo un’offerta turistica su misura. Cura l’intero ciclo dell’esperienza del viaggio focalizzando nella sua proposta gli aspetti che possono renderla memorabile. Oltre alla fase della programmazione cura la promozione e la distribuzione del pacchetto turistico autonomamente o attraverso agenzie, anche online.
  • Social Media Manager – Professionista che si occupa di comunicazione web all’interno di imprese turistiche per la promozione dei servizi e prodotti turistici.

Con questo articolo abbiamo quindi visto che le opportunità per lavorare nel turismo sono molto vaste: che si preferisca il contatto diretto con il pubblico o un lavoro in amministrazione, ce n’è per tutti i gusti. 

Vuoi continuare a seguire i nostri aggiornamenti settimanali sul turismo (e non solo)? Allora seguici sulla nostra pagina Facebook!